La principessa del sorriso

Edoardo Pacelli, Rio de Janeiro - ottobre 2003

La principessa durante il suo toccante discorso, tra la deputata Gama ed il Console Generale, Mariano.In una cornice incantevole, come l'Hotel Gloria, l'albergo che suole ospitare i presidenti della repubblica brasiliani, il Console Generale a Rio de Janeiro, Francesco Mariano, ha voluto tributare un omaggio alla principessa Elettra Marconi, arrivata in questa cittÓ per prendere parte ai festeggiamenti in occasione della celebrazione dell'anniversario dell'inaugurazione della statua del Cristo Redentore, sul Corcovado, avvenuta il 12 ottobre del 1931. Fu in quella occasione, infatti, che lo scienziato italiano leg˛ il nome dell'Italia e della tecnologia italiana, al Brasile, illuminando da Roma, insieme al Papa Pio XI, quello che doveva diventare uno dei simboli, se non il simbolo della CittÓ Meravigliosa. Nel suo intervento, il Console Generale ha voluto ricordare come la scoperta di Guglielmo Marconi abbia contribuito a quella che oggi si chiama la rivoluzione dell'informazione e che questa celebrazione avviene proprio nell'anno in cui ricorre il centenario della prima trasmissione radiofonica. Ha poi voluto leggere alcune righe di una lettera che Marconi aveva scritto come testimonianza dei suoi sogni che lo portarono all'importante scoperta, fortemente voluta, lottando contro la diffidenza e l'ironia dei suoi contemporanei.

La consegna della medaglia Pedro ErnestoPer il debito di riconoscenza che la cittÓ sente di avere verso la memoria dello scienziato italiano, la deputata Aparecida Gama e l'Assemblea legislativa dello Stato di Rio, hanno deciso di partecipare alla festa in onore della figlia di Marconi, insignindola delle pi¨ alte onorificenze della Stato e della cittÓ, la medaglia Tiradentes e la medaglia Pedro Ernesto, che la fa diventare cittadina onoraria di Rio de Janeiro. Nelle sue toccanti parole, la deputata ha ricordato che, tra gli illustri colleghi della principessa, c'Ŕ anche il Papa Giovanni Paolo II, che volle ricevere la prestigiosa distinzione a Roma, prima del suo viaggio in Brasile, per arrivarci come cittadino carioca.Ha quindi sottolineato l'importanza dell'Italia nella formazione della cultura brasiliana ed il ruolo straordinario svolto nel raggiungimento del progresso civile e sociale di questo Paese.

╚ stata quindi la volta della Principessa che, con parole veramente toccanti, ha dichiarato il suo immenso amore per la cittÓ di Rio, amore che il papÓ gli aveva trasmesso sin da piccola tanto da farle dire che, in fondo, lei Ŕ sempre stata brasiliana. Nel ricordare il padre, ha ripercorso con la memoria la sua infanzia, trascorsa in buona parte a bordo della nave di cui lei porta il nome, Elettra, la vita con la madre, i viaggi, la prima visita a Rio de Janeiro, nel 1952, l'incontro con Assis Chateaubraind, l'artefice dell'incontro di Marconi con Rio, e che, anni pi¨ tardi, chiamerÓ la giovane Elettra ad essere la madrina della TV Tupi, come, nel 1935, il padre era stato il padrino della Radio Tupi. E l'amore per Rio la principessa l'ha trasmesso al figlio Guglielmo.

Non Ŕ stato difficile indovinare quanto le parole della principessa, pronunciate in italiano, abbiano saputo penetrare nei cuori dei presenti, senza bisogno di traduzione. Le parole sono state accolte con molta emozione da tutti gli astanti.
Tra le varie personalitÓ presenti, non possiamo non ricordare il Presidente della SocietÓ Italiana di Beneficenza e Mutuo Soccorso, dottor JosŔ Mario Santoro, perchŔ Ŕ proprio grazie a questa entitÓ che il turista che visita oggi il Corcovado pu˛ leggere la storia dell'illuminazione della statua da Roma, grazie ad una lapide che ricorda il fatto. Se questa non ci fosse nulla farebbe collegare il nome di Marconi alla cittÓ di Rio de Janeiro. Inoltre, Guglielmo Marconi Ŕ stato nominato, nel 1935, socio onorario della SocietÓ.

Riteniamo fare cosa gradita ai nostri lettori, permettendo loro di ascoltare alcune parole del nostro grande premio Nobel: Guglielmo Marconi.